La ricetta in un racconto

Le uova con i piselli in umido sono una ricetta sbrigativa, sana, gustosa ed al contempo dietetica, che potremmo definire come un piatto salva cena. Tipico della tradizione popolare palermitana non solo non ci farà sentire in colpa con la bilancia ma ci ci regalerà un secondo ed un contorno in un’unica soluzione. Cosa volere di più?

Le uova con i piselli in umido sono una ricetta sbrigativa, sana, gustosa ed al contempo dietetica, che potremmo definire come un piatto salva cena. Tipico della tradizione popolare palermitana non solo non ci farà sentire in colpa con la bilancia ma ci ci regalerà un secondo ed un contorno in un’unica soluzione. Cosa volere di più?

A me questa ricetta ricorda tanto sia gli inverni siciliani in cui la sera insieme alla mia famiglia ci ritrovavamo seduti a tavola a mangiare, sia le mie lamentele perché i piselli non mi piacevano affatto. 😁 A dirla tutta oltre che per i piselli mi arrabbiavo anche per quella piccola televisione rossa posizionata sopra il frigorifero che proprio a causa della sua collocazione non mi permetteva di seguire una trasmissione per intero. Infatti, essendo poco più che un bambino e dunque molto basso, riuscivo ad intravedere solo una piccola parte dello schermo visto che il resto veniva sovrastato dal grande portellone. A questo ci si aggiunge che essendo la televisione posizionata alla mia destra, ero costretto a girarmi di continuo assumendo una posizione che che oggi i responsabili della sicurezza direbbero non essere a norma. 😂

Mia mamma cucinava le uova con i piselli in umido molto spesso perché le dava la possibilità di gestire i suoi mille impegni familiari ed avere la cena pronta intorno alle 20,00 al momento del rientro a casa di papà. Lui quando rientrava andava subito da lei, la baciava, le regalava un sorriso ed iniziava immediatamente a raccontarle le novità della sua giornata lavorativa. Sinceramente non capivo cosa avessero da dirsi tutte le sere, ma con il passare del tempo ho realizzato che probabilmente sentivano la necessità di confrontarsi e regalarsi reciprocamente quel tempo che le ore trascorse lontani gli avevano tolto. Quando però rientrando non la trovava nelle vicinanze della cucina, emetteva un fischio il cui suono faceva suppergiù così “fiufiuuuuuuuuuuu” che rappresentava l’elemento distintivo del loro idillio del tutto assimilabile al richiamo di due innamorati. Ina, appena lo sentiva, gli andava subito incontro per prendersi quei baci che avevano dovuto aspettare tutta la giornata prima di essere donati.

Ritornando alla ricetta del giorno, contrariamente a quando ero piccolo, ho riscoperto questo piatto estremamente semplice, genuino e leggero tanto da cucinarlo spesso a dispetto dei tempi della mia adolescenza.

Difficoltà

Facile

Dosi Per

4 Persone

Preparazione

10 Minuti

Cottura

15 Minuti

Lista ingredienti

500 gr. circa di pisellini surgelati

4 uova

Una grande cipolla

Due foglie di alloro

Sale q.b.

Pepe q.b.

Olio Extravergine d’oliva q.b.

Procedimento

1

Prendiamo un largo tegame, mettiamoci dentro la cipolla in piccoli cubetti e facciamo un soffritto. Aggiungiamo i piselli surgelati, il sale, l’alloro l’acqua fino a coprirli completamente e cuociamo con un coperchio a fuoco dolce. Nel caso in cui si asciugasse tutta l’acqua durante la cottura aggiungerne un po’. Dovremo ottenere un condimento non troppo asciutto visto che dovremo cuocerci le uova.

2

Non appena i piselli saranno cotti eliminiamo le foglie di alloro, aggiungiamo le uova, mettiamo il coperchio, aggiustiamo di sale e continuiamo la cottura fino a quando le uova non avranno raggiunto la consistenza desiderata. Girarle di tanto in tanto delicatamente con un cucchiaio di legno in modo da non farle attaccare alla pentola.

3

Impiattare, aggiungere una spolverata di pepe nero e servire calde.

Utile da sapere!

Possiamo accompagnare le uova con i piselli in umido con dei crostini di pane, anche raffermo, tagliati a fette, conditi con un filo di olio, sale e rosmarino e posti in forno preriscaldato a circa 180° per circa dieci minuti e comunque fino a completa doratura.


Commenti (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.