La ricetta in un racconto

Piatto strepitoso della tradizione gastronomica italiana, nella declinazione palermitana si conferma la bontà di questo piatto. Melanzana fritta, salsa di pomodoro, parmigiano grattugiato e basilico sono i pochi ingredienti capaci di trasformare un piatto semplice in un’esplosione di gusto.

La parmigiana di melanzane è il tipico piatto che più riposa, più i sapori si amalgamano a vantaggio del gusto. Una volta preparata, va conservata in frigorifero, consumata fredda e divorata con tanto pane.

 

 

Sapevate che esiste la versione siciliana di uno dei piatti più famosi d’Italia. Ebbene sì, le melanzane alla parmigiana sono una variante della più nota parmigiana di melanzane. La prima si consuma fredda, non va cotta in forno e prevede la presenza della melanzana fritta oltre che del pomodoro, la seconda prevede la cottura in forno e l’aggiunta della mozzarella. Nonostante i siciliani siano un popolo che ama le pietanze ricche, questo piatto risulta essere abbastanza sobrio anche se ciò non va a discapito del gusto.

L’origine della parmigiana non è del tutto nota e la paternità se la contendono la Sicilia, Napoli e Parma. Pare che il termine derivi dalla parola sicula “parmiciana” ovvero insieme di listelli in legno che sovrapposti insieme formano una persiana. In effetti se ci pensiamo la ricetta prevede un alternarsi di fette distribuite sul piatto quasi a rappresentare dei listelli sovrapposti. Probabilmente è questo il motivo per cui in Sicilia il piatto è stato battezzato con il nome di melanzane alla parmigiana e non di parmigiana di melanzane.

Anche nella versione a freddo esistono numerose varianti che si differenziano tra loro in base alla zona di preparazione. Io però voglio mostrarvi la parmigiana di melanzane palermitana che è anche il piatto della mia infanzia. Bastava sentire nell’aria il profumo della frittura per venire trasportati in luoghi estivi e gioiosi. Ricordo che quando mia mamma le preparava, la cucina si trasformava in un campo di battaglia. Per evitare gli schizzi di olio tipo schegge impazzite foderava il piano cottura della veranda con della carta stagnola e distribuiva ovunque per terra degli enormi fogli di giornale per preservare anche il pavimento. Visto che per noi la parmigiana era il piatto delle feste, lei lo preparava soprattutto quando venivano a pranzo la zia Rosetta insieme alla sua famiglia. Mia mamma, dopo le dovute chiacchiere iniziali e i convenevoli, relegava puntualmente lo zio ed i cugini in salotto che per l’occasione da luogo di culto si trasformava in uno spazio luminoso e festoso. Lei, infatti, teneva sempre chiuse porte e finestre per preservare l’ambiente a beneficio delle future visite. Così, una volta dirottati i parenti in salotto, lei andava in veranda con sua sorella per cucinare e chiacchierare indisturbata. Ma i miei cugini approfittando dei loro momenti di distrazione entravano di soppiatto in cucina rubando dal tavolo intere fette di melanzane e facendo scolare tutto l’olio per terra. Loro negavano l’evidenza, ma sulla loro colpevolezza neppure il mio gatto aveva dubbi.

Difficoltà

Facile

Dosi Per

4 Persone

Preparazione

2 Ore

Cottura

1 Ora

Lista ingredienti della parmigiana di melanzane

Due grandi melanzane scure

Un litro di passata di pomodoro

Sale q.b.

Zucchero q.b.

Cipolla q.b.

Basilico

Caciocavallo o parmigiano grattugiati

Olio extravergine d’oliva

Olio di semi di girasole

Procedimento

1

Laviamo le melanzane, spuntiamole e tagliamole a fette non troppo sottili. Passiamo del sale e facciamole spurgare dentro uno colapasta per circa un’ora.

2

Una volta che avranno perso tutta l’acqua, asciughiamole con della carta assorbente e friggiamole in abbondante olio di semi di girasole caldo.

3

Prepariamo un trito di cipolla, riponiamola dentro ad un tegame, aggiungiamo dell’olio extravergine di oliva e facciamo un soffritto. Aggiungiamo la passata di pomodoro, il sale, un paio di cucchiaini di zucchero, qualche foglia di basilico e facciamo cuocere. Quando il sugo si sarà cotto facciamolo raffreddare completamente.

4

A questo punto disponiamo le fette, una di fianco all’altra, su un piatto da portata, versiamo il pomodoro freddo compattandolo con un cucchiaio, spolveriamo abbondante parmigiano grattugiato e ripetiamo fino ad esaurimento degli ingredienti. Decoriamo la superficie con delle foglie di basilico. Riponiamo in frigorifero a riposare e serviamo le nostre melanzane alla parmigiana fredde.

Utile da sapere!

Le melanzane alla parmigiana palermitane si prestano per farcire un buon panino in occasione di scampagnate e pic nic oppure per arricchire un piatto di pasta al pomodoro.


Commenti (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.