La ricetta

Le sfinci siciliane con le patate sono delle buonissime frittelline il cui impasto, oltre a prevedere l’utilizzo della farina 00, contempla anche la presenza delle patate che gli conferiscono una grande sofficità.

Così come succede per altre preparazioni tipiche del periodo di carnevale come ad esempio la pignoccata chiamata anche pignolata, anche le  sfinci siciliane con le patate le possiamo trovare nel periodo natalizio e in special modo nel giorno dedicato all’Immacolata che ricorre l’otto dicembre.

Prepararle in casa è semplicissimo e si manterranno morbide anche se consumate dopo la loro preparazione.

Essendo la Cucina di Tricchi Trocchi un blog di racconti e di ricette, prima di vedere come si preparano Le sfince siciliane con le patate vorrei raccontarti una storia – in questo caso clicca sul tasto “continua a leggere” per saperne di più – se invece vuoi passare direttamente alla loro preparazione, scorri più in basso per andare alla lista degli ingredienti.

Inoltre se ti fa piacere seguimi su Facebook (clicca qua) ed anche su Instagram (clicca qua).

E voi come vi vestivate a carnevale da bambini? Anzi, come vi vestivano i vostri genitori? C’era un travestimento ricorrente che indossavate tutti gli anni? No, perché mia madre si era fissata nel mandarci in giro conciati in quella maniera… Anzi, la sua era solo una questione di convenienza visto che quelli proposti erano soltanto dei costumi riciclati provenienti dal guardaroba dei cugini ormai cresciuti. Io ero zorro e mia sorella la damina!
Tutti gli anni questa triste storia si ripeteva sempre con lo stesso epilogo. Noi che gridavamo giustizia pretendendo un costume che fosse un po’ più consono alle mode del momento e nostra mamma che cercava di convincerci che così vestiti eravamo davvero glamour.
Le feste pomeridiane a casa dei compagni erano anticipate da un pianto a dirotto nella speranza che le nostre lacrime avessero un senso e fossero ascoltate. Io che non volevo andare neanche pagato e mia sorella, piuttosto che indossare quella larga gonna a campana, avrebbe preferito essere essa stessa una campana.
Una volta arrivati alla festa avveniva però la triste scoperta. Non eravamo gli unici visto che un esercito di cloni era pronto a sguainare la spada dal fodero e altrettante damine in procinto di fare l’inchino come si conviene nelle migliori corti dell’alta aristocrazia.
L’espressione della mia faccia è stata più volte immortalata nelle foto dell’epoca. Sguardo da zorro arrabbiato diceva lui, nonostante il suo invito a sorridere e a  guardare l’uccellino… Ma quale uccellino, pensavo io, se avessi avuto abbastanza coraggio quell’uccellino lo avrei infilzato con la mia stessa spada.
Il momento più atteso arrivava solo quando, una volta arrivati a casa, Annamaria, la nostra vicina di casa chiamata da tutti la signorina anche se abbastanza attempata, suonava alla porta per passarci un piatto di sfinci siciliane con le patate. Era il regalo più atteso, capace di farci passare il malumore e ricordarci che nonostante tutto non erano quelle le cose per le quali valesse la pena di piangere. Ma tanto sapevo che il mio amico zorro sarebbe tornato a trovarmi anche il prossimo carnevale, così come  quelle sfinci capaci, ancora una volta, di ridornarmi il sorriso.

Difficoltà

Facile

Dosi Per

40 sfinci circa

Preparazione

1 Ora

Cottura

4 Minuti

Lista ingredienti delle sfince siciliane con le patate

350 gr. di patate vecchie schiacciate

350 gr. di farina 00

15 gr. di lievito di birra fresco

Un uovo medio

100 gr. di zucchero semolato

350 gr. di latte intero

La scorza di un’arancia bio

Cannella in polvere q.b.

Un pizzico di sale

Olio di girasole q.b.

Lista ingredienti per la decorazione

Zucchero semolato q.b.

1

Per prima cosa lessiamo le patate con la buccia e una volta morbide peliamole passandole in uno schiaccia patate. Occorrerà cuocerne in più rispetto alla quantità riportata negli ingredienti in modo che al netto degli scarti il loro peso sia pari a 350 gr. E’ preferibile per questa ricetta utilizzare le patate vecchie che contengono meno acqua ma qualora non le trovassimo, utilizziamo pure delle comuni patate.

2

In una ciotola versiamo la purea di patate, la farina, lo zucchero, l’uovo intero, la cannella, la buccia grattugiata di un’arancia bio, un pizzico di sale e versiamo piano piano il latte in cui avremo sciolto il lievito. Man mano che aggiungiamo il latte mescoliamo gli ingredienti con l’aiuto di una forchetta e una volta completamente inglobato utilizziamo uno sbattitore. Copriamo con uno strofinaccio e lasciamo lievitare in un posto caldo e asciutto per circa un’ora e comunque fino a raddoppio.

3

Scaldiamo l’olio dolcemente per evitare che le nostre sfinci si brucino all’esterno rimanendo crude all’interno e una volta arrivato a temperatura versiamo dentro l’impasto. Potremo utilizzare sia una sac à poche e un paio di forbici per aiutarci a tagliare delle uguali quantità di impasto oppure due cucchiai. Giriamo le nostre sfinci di continuo fino a quando saranno dorate e una volta pronte passiamole nello zucchero semolato e serviamole.


Commenti (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.